Estate a Val Pellice

ACP humanitarian aidITALIA

[gallery columns="4" size="medium" ess_grid_gal="progetti" ids="1983,1985,1987,1989,1991,1993,1995,1997"]

Una speranza in Costa d’Avorio

ACP humanitarian aidInternazionale

La Costa d’Avorio è un paese meraviglioso nell’Africa occidentale. L’acqua potabile è uno dei suoi bisogni più urgenti perché riduce i rischi di infezioni batteriologiche e il rischio di mortalità. Con un pozzo d’acqua è possibile bere, cucinare, irrigare e coltivare migliorando la qualità della vita e garantendo un migliore sviluppo economico. Con GHIBS Mission stiamo avviando la costruzione di un pozzo di acqua potabile e di un centro di accoglienza nel villaggio di Anumangua nel territorio della capitale Yamoussoukro. Diventa con noi parte attiva in questa sfida! Insieme salveremo molte vite!

Accoglienza e solidarietà non hanno confini.

ACP humanitarian aidAccoglienza

Da Catania abbiamo accolto un gruppo di rifugiati presso le nostre sedi #ACP di #Napoli. Grazie alla collaborazione con Italy For Christ riusciamo a fornire un tetto, un supporto e una speranza a chi è in fuga da questo assurdo conflitto. Insieme possiamo fare ancora di più per molti. Dona ora su www.acphumanitarianaid.it/ucraina // #parolechiare #azioniforti

Partiti i TIR n. 15 e 16 di ACP Italia

ACP humanitarian aidRaccolta

Arrivati a #Volovat i carichi n.15 e 16 partiti rispettivamente da Napoli e da Bordighera/Torino/Como/Montecchio Emilia con passaggio ad Oradea dove è avvenuta la fusione dei due TIR per un totale di circa 10 tonnellate di aiuti umanitari destinati all’Ucraina. 
Un’operazione a tratti complessa e non senza imprevisti ma ringraziamo tutti i volontari, collaboratori e partners che dal primo all’ultimo step hanno reso possibile questa operazione! Uniti si può! Entra nella Famiglia ACP > www.acphumanitarianaid.it/family #senzapovertà #aUnPassodaTe

Černivci in un centro di accoglienza con Remar e Missionary Revival

ACP humanitarian aidAttività in confine

Černivci (ucraina): una zona lontana dal conflitto, le bombe si sono fermate a 60 km da qui, una città che accoglie 90 mila rifugiati di guerra, donne con bambini che hanno lasciato le loro case di #Kiev, Mariupul, Odessa ed hanno trovato un rifugio dove sentirsi al sicuro nella loro nazione. Per loro stiamo lavorando in un centro di accoglienza con Remar e Missionary Revival, provvedendo i pasti per 1200 rifugiati ogni giorno, visite mediche, playground per bambini ed anche un “barbiere all’aperto” con momenti di gioco tra bambini. Abbiamo distribuito nuovi testamento in ucraino e predicato il Vangelo a centinaia di rifugiati che sono nel centro. Dio è all’opera ed il Suo amore sta invadendo i cuori di scappa dalla #guerra! – Insieme possiamo fare ancora di più. Dona ora su www.acphumanitarianaid.it/ucraina